Notizie e comunicati

< torna indietro
È ufficiale, il coronavirus è trasportato dal particolato (PM)

Possibile “indicatore” precoce di future recidive dell’epidemia da Covid-19. Studio effettuato da Sima, ricercatori dell’Università di Bari, Bologna e Trieste, e dell’ateneo di Napoli “Federico II”.

 

A poco più di un mese dalla pubblicazione di un Position Paper sulla “Valutazione della potenziale relazione tra l’inquinamento da particolato e la diffusione dell’epidemia da Covid-19”, la Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) annuncia che il coronavirus SARS-Cov-2 è stato ritrovato sul particolato (Pm).
“Questa prima prova apre la possibilità di testare la presenza del virus sul particolato nei prossimi mesi come indicatore per rilevare precocemente la ricomparsa del coronavirus e adottare adeguate misure preventive prima dell’inizio di una nuova epidemia”, anticipa il professor Alessandro Miani, presidente della Sima.

“Questa prima parte della ricerca mirava espressamente a cercare la presenza dell’RNA del SARS-CoV-2 sul particolato (PM). Le prime evidenze relative alla presenza del coronavirus sul particolato provengono da analisi eseguite su 34 campioni di PM10 in aria ambiente di siti industriali della provincia di Bergamo, raccolti con due diversi campionatori d’aria per un periodo continuativo di 3 settimane, dal 21 febbraio al 13 marzo”, spiega Leonardo Setti, coordinatore del gruppo di ricerca scientifica insieme a Gianluigi De Gennaro e a Miani.
“I campioni sono stati analizzati dall’Università di Trieste in collaborazione con i laboratori dell’azienda ospedaliera Giuliano Isontina, che hanno verificato la presenza del virus in almeno 8 delle 22 giornate prese in esame. I risultati positivi sono stati confermati su 12 diversi campioni per tutti e tre i marcatori molecolari, vale a dire il gene E, il gene N ed il gene RdRP, quest’ultimo altamente specifico per la presenza dell’RNA virale SARS-CoV-2. Possiamo confermare di aver ragionevolmente dimostrato la presenza di RNA virale del SARS-CoV-2 sul particolato (PM) rilevando la presenza di geni altamente specifici, utilizzati come marcatori molecolari del virus, in due analisi genetiche parallele”4, precisa Setti.

Secondo De Gennaro, “questa è la prima prova che l’RNA del SARS-CoV-2 può essere presente sul particolato in aria ambiente, suggerendo così che, in condizioni di stabilità atmosferica e alte concentrazioni di PM, le micro-goccioline infettate contenenti il coronavirus SARS-CoV-2 possano stabilizzarsi sulle particelle per creare dei cluster col particolato, aumentando la persistenza del virus nell’atmosfera come già ipotizzato sulla base di recenti ricerche internazionali. L’individuazione del virus sulle polveri potrebbe essere anche un buon marker per verificarne la diffusione negli ambienti indoor come aziende produttive.

LOSMA, grazie alla propria esperienza ed al proprio know-how, è in grado di offrire soluzioni chiavi in mano per rendere l’ambiente lavorativo salubre, in diversi processi industriali, riducendo al minimo la presenza di particolato in ambiente, grazie all’utilizzo di filtri H HEPA certificati secondo normative ISO16890 e ISO29463, che permettono di filtrare particelle di dimensione fino a 0.3 micron al 99% di efficienza in fase secca ed anche in fase umida. In questo modo LOSMA assicura un ambiente di lavoro più pulito prevenendo l’insorgenza delle malattie del tratto respiratorio ed in questa fase di emergenza sanitaria, limitando la diffusione del SARS-CoV-2 in aria ambiente.

Grazie alla gamma di aspiratori stand-alone o centralizzati, LOSMA riesce a coprire tutti i processi di lavorazione industriale per particolato secco o nebbie oleose, grazie alla flessibilità funzionale e costruttiva.
Fanno parte di questa gamma gli aspiratori ARGOS PRO, PASCAL, ATLAS, DARWIN, GALILEO PLUS & EXTRA, ICARUS.

WORKING CLEAN, BREATHING HEALTHY – www.losma.it

Fonte: Agi – Agenzia Giornalistica Italia S.p.A.

 


© 2017 Losma S.p.A.
Via Enrico Fermi, 16
24035 Curno (Bergamo) - Italy

Seguici anche su:

R.I. - P.I. - C.F. 01234590162 - R.E.A. 185685 - Cap. Soc. I.V. € 500.000
Privacy & Cookie policy  |  Credits